Intervista a Folco Quilici x Fenix di Fabio Cappellini Maggio 2013

DSC_4992

“Il viaggio” è il fil rouge che lega ogni intervento che si è svolto a Pistoia durante il festival
“Dialoghi sull’uomo” ormai giunto alla sua quarta edizione.
Questo evento ha avuto luogo dal 24 al 26 maggio, con conferenze e spettacoli che si
sono svolti nelle piazze Del Duomo e dello Spirito Santo , Presso i Teatri Manzoni e
Bolognini e in due casi anche nell’antico palazzo comunale.
Tutte le conferenze hanno avuto un successo di pubblico importante, nonostante il tempo
inclemente.
I relatori erano tutti nomi importanti del panorama culturale Italiano e Internazionale.
Ne ricordo alcuni, nei prossimi numeri di Fenix amplieremo la panoramica soffermandoci
sui principali interventi:
Franco Iseppi, presidente del touring club italiano, Francesco Guccini, cantautore e
scrittore, Paolo Rumiz, scrittore e giornalista di Repubblica, Toni Wheleer , viaggiatore e
fondatore della Lonely planet, Arjun Appadurai, antropologo, uno dei massimi esperti al
mondo sulle implicazioni culturali della globalizzazione, gli scrittori Colin Thubron e Erri De
Luca, lo scrittore e cantautore Vinicio Capossela e molti altri di cui avremo modo di
parlare.

Nonostante non sia la prima delle lezioni/conferenza a cui ho assistito vorrei aprire le
cronache di quella rassegna con lo scrittore documentarista Folco Quilici.
83 anni portati alla grande, durante la sua conferenza ha tenuto il palco del piccolo Teatro
Bolognini come un leone per quasi due ore, raccontando aneddoti e illustrando i
documentari polinesiani che lui stesso aveva girato negli anni 50.
Occhi vivaci e intelligenti, una memoria di ferro, un attenzione ai tempi del palco e alle
parole davvero invidiabile.
“28 giorni per arrivare in Polinesia” il titolo della sua applauditissima lezione.

Un ora dopo sono seduto con lui nella hall di un albergo del centro storico, per una breve
conversazione.

So che lei ha realizzato un servizio su una comunità Albanese del Sud Italia, può
parlarmene ?
Sono passati molti anni, il servizio a cui si riferisce era parte di una serie su Calabria,
Puglia e Basilicata.
Ricordo che rimasi molto colpito dalla preparazione di un matrimonio Albanese, per gli
abiti e le mille attenzioni che venivano riservate alla sposa affinché ogni dettaglio
rispondesse pienamente alla tradizione, ricordo con simpatia il pope che celebrava la
cerimonia , una persona veramente piacevole.
È mai stato In Albania?
Si due volte, a Distanza di molti anni e per pochissimo tempo:
Quando ero bambino, prima dell’occupazione fascista dell’Albania , facemmo una crociera
con la mia famiglia in Adriatico sostando in un porto Albanese, non ricordo se Valona o
Durazzo, durante quella sosta avvenne un fatto abbastanza particolare : arrivarono
contemporaneamente in porto due battelli, in uno c’era Re Zog con tutto il seguito,
nell’altro, affiancato, una banda musicale che doveva accompagnare l’arrivo del sovrano.
All’ingresso in porto le due imbarcazioni provocarono una serie di onde, che colpendo le
fiancate di entrambi i natanti crearono un beccheggio molto pericoloso, tanto che si
sentirono urla e sicuramente qualche passeggero avrà perso l’equilibrio cadendo, anche
se non credo fuori bordo.
Non potemmo accertarci delle conseguenze di quella vicenda perché la nostra nave in
quel momento stava ripartendo, ma ricordo che rimasi molto impressionato dall’accaduto.
Molti anni dopo la guerra, con la collaborazione tra uffici turistici di Italia e Jugoslavia con
una troupe preparammo un documentario sull’Adriatico, toccando anche l’Albania.
Seppure tra mille difficoltà (erano gli anni della dittatura), riuscimmo ad avere il permesso
per visitare le rovine di una città romana di cui non ricordo il nome, nel sud del paese, un
luogo incantevole.
Durante le riprese, un tecnico della troupe notò un fascio sul coperchio di un tombino e
disse “Thò guarda, un tombino fascista”. Il giorno dopo fu espulso dal paese.

Lei ha viaggiato in tempi in cui il turismo di massa non era ancora nato, i suoi
servizi e documentari hanno fatto scuola incantando e facendo sognare generazioni
di Italiani e non solo. Se dovesse cominciare adesso , in un epoca in cui maree di
turisti attraversano il globo in ogni senso, con quali tematiche affronterebbe il suo
lavoro?

Molti dei miei documentari parlano di archeologia, negli ultimi 40 anni le scoperte e la
valorizzazione di siti archeologici hanno avuto un grande sviluppo, ma non credo che si
sia esaurita la possibilità di documentarne di nuove, su questo c’è ancora molto da fare.
Il viaggio ha molteplici sfaccettature , quindi basta cercare la chiave di lettura più adatta
alla curiosità dei contemporanei.
Indubbiamente cercherei di integrare ad aspetti naturalistici, riferimenti alla vita pratica e
all’economia, in particolare cercando di stimolare le giovani generazioni su temi che
riguardano il lavoro e la conoscenza di aspetti sociali dei vari paesi, più utili e sentiti di
quelli folcloristici. Viaggiare può aiutare a evolvere il pensiero e a trovare possibilità di
realizzazione anche nel proprio paese.
Il viaggio che vorrebbe intraprendere ?
Ce ne sono molti…
Prima di partecipare a queste due ultime edizioni dei “dialoghi sull’uomo”, ad esempio,
non conoscevo Pistoia, una bella città che avevo solo sfiorato viaggiando su territori
limitrofi, in quanto parte della mia famiglia è originaria di Lammari, tra Lucca e Pistoia.

Il viaggio … a volte basta aprire la porta di casa e guardare un po’ più in là del proprio
naso.         

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...